Categoria: Uncategorized

  1. Preriscaldare il forno a 160 C°.
  2. Mettete sul fuoco una grande casseruola. Rosolate le cosce d’anatra da entrambi i lati iniziando dalla parte della pelle. Una volta rosolate, toglietele dalla casseruola e aggiungete gli scalogni e l’aglio a fettine facendoli soffriggere finché non si ammorbidiscono e iniziano a dorarsi.
  3. Aggiungete quindi la farina e fate cuocere la salsa per qualche minuto finché non si sarà addensata. Aggiungete vino rosso e brodo lasciando che il tutto raggiunga l’ebollizione.
  4. Aggiungete le cosce d’anatra nella casseruola assieme a 2/3 more, alle fette d’arancia, alle stecche di cannella, all’anice stellato, al sale Maldon e i rametti di rosmarino.
  5. Coprite e mettere in forno per 1 ora e 30 minuti. A cottura ultimata, aggiungete le more rimanenti e servite.
  6. Per la preparazione del purè, aggiungete il sedano rapa in una pentola con il brodo e il latte e portate a ebollizione. Cuocete a fuoco lento finché il sedano rapa non è tenero. Passate al passaverdura o allo schiacciapatate, quindi mescolate con una noce di burro e un pizzico di sale Maldon.
  7. Servite le cosce d’anatra con il purè di sedano rapa e le verdure saltate in padella.
  1. In un robot da cucina frullate insieme la barbabietola, la scorza d’arancia e limone e le bacche di ginepro. Frullate fino a ottenere una pasta omogenea. Versate in una grande ciotola e mescolate con l’aneto, il sale Maldon, la salsa al rafano e lo zucchero di canna.
  2. In una pirofila capiente posizionate il salmone con la pelle verso il basso; quindi, spalmate la marinatura alla barbabietola sulla superficie del pesce. Premete con forza assicurandovi che sia ricoperto da ogni parte. Avvolgete quindi la teglia in una pellicola trasparente e lasciate riposare in frigorifero per 2-3 giorni.
  3. Trascorsi due giorni e giunto il momento di servire il salmone, togliete dal frigorifero il salmone e lavate via la marinatura. Posizionate quindi il salmone su un tagliere e utilizzando un coltello ben affilato tagliate delle fette sottili. Servite il salmone con l’insalata di finocchi, spicchi di limone, capperi e qualche fetta di pane irlandese.
  1. In una brocca mescolate il latte tiepido, il lievito e 1 cucchiaio di zucchero.
  2. In una ciotola capiente aggiungete il burro ammorbidito e il resto dello zucchero e mescolate fino a quando il composto non diventa opaco; almeno 8 minuti.
  3. Aggiungete l’estratto di vaniglia, il sale Maldon e la scorza d’arancia grattugiata. Quindi incorporate a piccole dosi le uova sbattendo dopo l’aggiunta di ciascuna.
  4. In una planetaria mettete la farina formando un incavo al centro. Aggiungete i composti di lievito e burro precedentemente preparati. Inserite il gancio da impasto e impastate per 10-15 minuti fino a quando il composto non sarà completamente incorporato e si presenterà morbido, liscio ed elastico.
  5. Mettete l’impasto in una ciotola leggermente oliata e copritela con pellicola trasparente lasciando lievitare per 2 ore finché non raddoppia il volume.
  6. Dopo 2 ore, rovesciate l’impasto dalla ciotola per far uscire l’aria. Aggiungete i pistacchi e impastate in modo che siano ben incorporati nell’impasto quindi lavorateli per 10 minuti. Mettete l’impasto nella carta/stampo da panettone e poi copritelo leggermente con la pellicola, lasciatelo lievitare di nuovo per 1 ora finché non raddoppia il volume.
  7. Infornate a 180°C per 45 minuti, facendo attenzione alla cottura della superficie (se necessario, coprire con un foglio di alluminio), assicurandovi però che questo a fine cottura sia ben lievitato e dorato. Togliete dal forno e lasciate raffreddare completamente appendendo il panettone a testa in giù così che l’impasto si distribuisca uniformemente.
  8. Una volta raffreddato, preparate la glassa. Aggiungete il cioccolato finemente tritato in una ciotola e scaldate la panna in un pentolino fino a farla diventare bollente. Versate la panna sul cioccolato e lasciare riposare, quindi mescolare fino a ottenere un composto omogeneo. Aggiungete la crema di pistacchio e mescolate. Versate quindi sul panettone e decorate con pistacchi tritati.
  1. Preriscaldate il forno a 180°C. Ungete accuratamente una teglia e spolverizzatela con zucchero semolato. Mettete da parte.
  2. In una ciotola capiente mescolate la farina, il lievito, lo zenzero macinato, la cannella e il sale Maldon.
  3. In un robot da cucina aggiungete il limone e lo zenzero in conserva e frullate fino a formare una pasta quasi liscia.
  4. In una planetaria aggiungete burro a temperatura ambiente e zucchero quindi frullate fino a ottenere un composto chiaro e spumoso. Aggiungete le uova una alla volta mescolando accuratamente dopo ogni aggiunta. Integrate col miele, l’olio d’oliva e la purea di zenzero e limone ottenuta precedentemente e mescolate nuovamente.
  5. Infine, aggiungete il composto secco e mescolate fino ad incorporarlo completamente.
  6. Versate il composto nella teglia e lisciate la superficie. Cuocete in forno per 45 minuti fino a quando la torta sarà ben lievitata e dorata. Per verificare la cottura infilate uno spiedino di legno che dovrà uscire pulito.
  7. Togliete dal forno e lasciate raffreddare. Guarnite con fette di limone e un filo di glassa al limone.
  1. Mettete il cioccolato finemente tritato in una grande ciotola resistente al calore. Mettete la panna in un pentolino e scaldatela fino a ebollizione, quindi toglietela dal fuoco e versatela sul cioccolato. Lasciate riposare per qualche minuto prima di sbattere fino a ottenere un composto omogeneo. Aggiungete il burro, gli amaretti, l’estratto di mandorle e il sale Maldon quindi sbattete nuovamente fino a ottenere un composto omogeneo.
  2. Trasferite il tutto in una teglia poco profonda e lasciate raffreddare a temperatura ambiente prima di metterlo in frigorifero a rapprendere (2 ore). Una volta raffreddata formate delle palline con la ganache ottenuta conservando quest’ultime in frigorifero mentre si preparano le altre. Prima di servirle rotolate i tartufi nel cocco essiccato, nei pistacchi tritati o nel cacao in polvere.
  1. Mettete gli ingredienti in una ciotola.
  2. Mescolate in modo da unire tutti gli ingredienti.
  3. Servite con pane di segale, spicchi di limone e una spolverata di aneto.
  1. Tagliate a fette il burro e disponetelo in un robot da cucina con il rosmarino precedentemente lavato. Aggiungete lo zucchero e frullate alla massima potenza per 2 minuti. Trasferite la miscela in una ciotola e lasciatela ammorbidire a temperature ambiente. Riscaldate il forno a 160ºC.
  2. Lavate le albicocche e incidete la parte superiore delle albicocche. Apritela leggermente con la punta di un coltello e farcitele con il composto di burro. Spalmate il resto del burro sulla teglia. Aggiungete un pizzico di Sale Maldon sulle albicocche.
  3. Infornate per 20-30 minuti cuocendo a grigliatura indiretta. D’estate servite con gelato alla vaniglia, panna o yogurt gelato.
  1. Lasciate gli spiedini in ammollo nell’acqua per qualche ora. Rimuovete l’intestino dei gamberi tirandoli via con la carta assorbente. Disponete i gamberi in una vaschetta.
  2. Lavate e asciugate i limoni. Pelatene uno e estraetene il succo. Tagliate l’altro in otto spicchi. Lavate e asciugate il prezzemolo, rimuovendo le foglie. Pelate l’aglio e rimuovete il germe.
  3. Utilizzando il robot da cucina tritate finemente prezzemolo e aglio con il succo di limone e tre cucchiai di olio. Versate il tutto sui gamberi e lasciateli marinare a temperature ambiente per 15-20 minuti. Allo stesso tempo, pelate e tritate la cipolla. Tritate il prezzemolo avanzato e mettetelo da parte.
  4. Rimuovete i gamberi dalla marinatura. Versate la marinatura e il vino dolce in un padellino, cuocete a fiamma alta e lasciate bollire finché si riduce della metà.
  5. Infilate 3 gamberi ad ogni spiedino, alternandoli con i cipollotti e le scorze di limone. Scaldate la  griglia con  1 cucchiaio di olio e cuocete gli spiedini 2 minuti su ogni lato. A fine cottura riponeteli su un piatto, cospargendoli con il vino e il prezzemolo tritato, foglie di timo e un pizzico di Sale Maldon prima di servirli con gli spicchi di limone.
  1. Estraete le costolette dal frigo, spennellatele con olio d’oliva e lasciatele riposare a temperatura ambiente.
  2. Aggiungete il sale Maldon nel mortaio. Lavate e asciugate il prezzemolo, tritate grossolanamente solo le foglie e aggiungetele al mortaio. Pelate l’aglio, tagliatelo a pezzi quindi aggiungetelo al mortaio.
  3. Schiacciate tutto fino ad ottenere una pasta, aggiungendo l’olio poco a poco mentre continuate a schiacciare con il mortaio.
  4. Riscaldate la griglia e oliatela. Una volta che il barbecue è caldo, cospargete le costolette con dell’olio extra vergine d’oliva. once the barbecue is hot. Cuocete ogni lato per 4 minuti a 180ºC e appena cotte, cospargete con una presa di Sale Maldon e servitele calde con la salsa aioli.
  1. In una padella capiente preriscaldate l’olio. Pelate ½ limone e tagliatelo a metà. Aggiungete l’aglio schiacciato e la scorza di limone e lasciate rosolare, alzando il fuoco. Aggiungete il succo di limone alle cozze e versate nella padella. Aggiungete la birra, mescolate, coprite e lasciate cuocere per 5 minuti.
  2. Rimuovete le cozze, scolate l’acqua in eccesso alzate la fiamma per ridurre la salsa quindi riversatela sulle cozze.  Cospargete un po’ di Sale Affumicato Maldon e servitele calde o a temperature ambiente con una fetta di pane per raccogliere la salsa.